BOC day 17: e l’auto svampata a Belgrado

Da oggi iniziano le tappe che ci riportano verso l’Italia, fugaci soste, solo per spezzare il viaggio e assaporare ancora un po’ i Balcani Occidentali, per non pensare che siamo agli sgoccioli, per rimanere ancora un po’ invischiati in questi odori, sapori, dolori, cuori, maori (e vabbè non me ne venivano più in mente di…

BOC day 16: anno nuovo, timbro nuovo (ma caffè vecchio)

Anche se ci fosse stata l’apocalisse, per le strade di Pristina, nella notte di capodanno, non l’avremmo sentita. Alle 22:00 eravamo già crollati, con buona pace dei fuochi d’artificio, del brindisi e del bacio sotto al vischio. Siamo contenti così! Chi viaggia a capodanno, viaggia tutto l’anno! E quindi oggi ci spariamo 8 ore di…

BOC day 15: New Born Year

Ormai avrete capito che a noi le cose semplici non piacciono. Decidiamo di passare il confine del Kosovo. E qui iniziano i casini… Noi siamo in Macedonia, anzi nella Repubblica della Macedonia del Nord (prima che scatta un caso diplomatico con la Grecia, che qui ci mettono poco), e vogliamo vedere sia il Kosovo che…

BOC day 14: Skopje scoppia di statue

E dopo un’infilata di bellezze naturali e artistiche abbiamo deciso che la prossima meta sarebbe stata Skopje, dandogli ben 2 stelline su 3. Una stellina perché la città è tutta in pianura, ma riusciremo sicuramente a trovare qualche scalinata a picco che ci spezzerà il fiato. L’altra stellina perché non è una bella città, in…

BOC day 13: dal pollo di Tetovo al soufflé di Matka

Ci congediamo da Tomič-Atomič, il quale prima di salutarci, con un’ultima estrema gentilezza, toglie la brina dal parabrezza della nostra auto versandoci sopra l’acqua bollente… Mi fa segno di azionare i tergicristalli, ma inserisco per sbaglio la velocità flash, partono schizzi d’acqua in ogni direzione e quasi lo ustiono. Miracolosamente il vetro è ancora integro,…

BOC day 12: la perla di Mavrovo

Sono le 8:00 e siamo già in giro. Ogni ora di sole è preziosa e non vogliamo sprecarla. Peccato che a quest’ora pure i molti monasteri e chiesette di Ocrida siano chiusi. Non c’è neanche un cane in giro… anzi no, ce ne sono ben tre che si avvicinano e iniziano a snasarci per bene….

BOC day 11: c’erano un leone e una gazzella a Ohrid

Ci alziamo col naso brinato, Paolo pure con le orecchie ibernate… Io invece ho dormito saggiamente con il cappello. La temperatura della stanza è inchiodata sui 13 gradi, ma il nostro amico “tù” si fa perdonare e ci svolta la giornata preparandoci la colazione del campione. Saltiamo in macchina e alziamo il riscaldamento a manetta,…

BOC day 10: al freeeddo e al geeeeelo di Berat

Sveglia ore 6:00. Lasciamo Kotor, e proseguiamo nella nostra avventura. Io delle 5 ore di viaggio verso Berat mi ricordo il parcheggio da cui siamo partiti e la prima galleria… Poi la frontiera con l’Albania. Credo di essermi abbioccata giusto per un attimo… Entriamo in un nuovo Stato, uno dei pochi paesi in cui la…

BOC day 9: cornuti e alberati a Kotor

È Natale! Il nostro albero di natale da viaggio ha sotto due bigliettini e due pacchettini, vuol dire che Babbo Natale è passato pure qui! Olè! Regali bellissimi, ma nessuna traccia della carta verde e della stufetta che avevamo chiesto nella lettera, devono essere rimaste incastrate nel camino. In compenso il Babbazzo ha dimenticato un…

BOC Day 7-8: in viaggio verso il Natale tra Mostar e Kotor

Mi alzo di buon’ora e piena di entusiasmo, ma il mio morale viene subito scosso: scopro che salteremo il Kosovo. Paolo farfuglia motivazioni confuse… la carta verde… la guerra… le cavalleeeetteeee, i timbri sul passaporto, che se te li mettono i kosovari poi i serbi ti menano e vai in prigione senza passare dal via….