RTW day 74-75: pico de gallo e abbaio de perro

Le giornate trascorrono tranquille in attesa della totale ripresa fisica, così finiamo di scrivere gli articoli del blog sull’Honduras, tra un’abbaiata di gruppo e l’altra. Si aggiunge alla famiglia dei quadrupedi anche Spider, il papà delle tre simpatiche belve, di solito residente a casa della mamma di Lucia. Inspiegabilmente è il più piccolo di tutta la famiglia… qui la mamma chihuahua non ce la racconta tutta… è il più piccolo, ma abbaia come un rotweiler e ovviamente si tira dietro tutte le figlie.

Scena ripresa a tradimento dalla mia dolce metà che se la ghigna allegramente mentre io vengo sbranato…

La traditrice esce dalla stanza e alle parole: “allora, cos’è sta scena madre?!” Tutti zitti e sull’attenti, papà compreso… che nella foto non compare perché le stava facendo le feste.

La Vale, in versione San Francesco, riesce a conquistare anche lui, quindi, tranne che per qualche sclero momentaneo, la calma regna sovrana tra uno sguardo d’intesa e una coccola… con le bestiole ovviamente.

A pranzo abbiamo l’onore di assaggiare tacos e pico de gallo preparati direttamente dalle mani sante della mamma di Lucia, messicana doc. Da leccarsi i baffi. Facciamo bis e tris!

Ricambiamo alla sera con una torta salata di spinaci e ricotta fatta con la pasta brisee al posto della pasta sfoglia. Notare che ho passato circa due ore nel supermercato a cercare la pasta sfoglia, oggettivamente intraducibile in inglese. E sono stato pure cazziato dalla mia consorte quando ho virato per la disperazione sulla brisee! Alla fine il risultato è buono e ce la sbafiamo tutta senza andare troppo per il sottile.

Ormai le Isole Fiji sono state ufficialmente depennate dalla lista delle prossime mete e la generosità di Lucia nell’ospitarci per 5 giorni non ha eguali; ci offriamo di pagare le notti di permanenza, ma niente da fare, così per sdebitarci sforniamo tutto il ricettario di Giallozafferano. Unico imprevisto: l’allarme antincendio suona ad ogni apertura del forno o ad ogni alzata di coperchio… siamo diventati delle schegge tra i fornelli sfidando il biiip-biiip e l’arrivo dei pompieri (e ovviamente quando parte l’allarme contestualmente partono 4 chihuahua ululanti in sincro).

La Vale ha le orecchie tappate e neanche l’Idraulico Liquido versato direttamente nel padiglione auricolare ha dato i suoi frutti, quindi si va di vecchio metodo della nonna: fumenti a tutto spiano.

Ogni volta che visitiamo il medico per capire se possiamo partire la Vale esce con una chiappa punturata: il motto del Dr. House de noi artri è chiaro: “no puntura, no part(i)y” e via 80 dollari a botta. E si indispettisce pure perché non capisco quando mi parla in spagnolo e quando gli chiediamo un paio di firme per l’assicurazione… sorrisi a profusione solo quando si tratta di sforacchiare le chiappe della Vale e di incassare il cash. La prossima volta seguiremo i segnali che il fato ci invia, come la macchina parcheggiata davanti allo studio…

Maledetta sanità a stelle e strisce. Penso a chi non ha un’assicurazione e non può nemmeno permettersi un antibiotico e ringrazio il cielo di vivere in Europa.

Comunque ormai abbiamo deciso, dobbiamo iniziare il recupero atletico e cascasse il mondo andremo in Nuova Zelanda. La Vale dopo 4 giorni di stop forzato inizia a dare segni di insofferenza, così per riprendere il contatto con il mondo esterno escogitiamo una delle nostre “trottolate”. Domani si va a San Diego. Anzi, domani si va in Messico (non esageriamo, al confine col Messico). Poi di nuovo qui a L.A. e via verso l’Oceania.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. ROS ha detto:

    con questo racconto ho capito che…
    1) chihuahua si scrive chihuahua
    2) dopo paolo e l’iniziazione ripresa….tutti possono diventare loro amici!!!

  2. Giuliana Gambino ha detto:

    Mi sono ripromessa di leggere le vostre avventure con ordine ma non ho proprio resistito e ho letto la più recente a Nuova Dheli!!! ma il salto spazio temporale è stato immenso quindi torno in messico e ricomincio perchè non voglio perdermi niente! Un abbraccio ragazzi.

    1. la Vale ha detto:

      😂 ti mancano una quarantina di giorni… dal Messico ad oggi ne sono successe un sacco di cose!! Anche se sono accedute un mese fa mi sembrano lontanissime!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.